Notizie ed eventi

16-17 giugno 2022 – Riunione internazionale di progetto a Roma

L’Università Telematica Internazionale Uninettuno ha ospitato a Roma la riunione dei partner del progetto ActivAge. In questa occasione, sono stati presentati i video realizzati dai partner per il Knowledge Centre. Sono inoltre state definite le caratteristiche dell’interfaccia online che, grazie ad una semplice profilazione dell’utente, proporrà percorsi personalizzati volti al mantenimento delle funzionalità fisiche, cognitive e sociali dell’anziano.

Pubblicata la newsletter n. 1 di ActivAge

11 novembre 2021 – ActivAge a “Anziani… anzi no” su Radio RAI

“Cosa definisce un buon invecchiamento? Forse la parola chiave è essere “pro-attivi” in tutte le situazioni della vita. ActivAge è un progetto Europeo che unisce associazioni e centri di ricerca accademici tra Italia, Slovenia e Francia, e che sfrutta le nuove tecnologie per creare strumenti di supporto, eventi e azioni che promuovono uno stile di vita attivo dei senior.”

Così la trasmissione “Anziani… anzi no!” di Radio RAI Friuli Venezia Giulia ha introdotto il progetto ActivAge. Hanno partecipato in diretta per presentare le finalità e le attività del progetto Ariella Cuk, Presidente dell’Associazione Lunga Vita Attiva, Diego Centonze, coordinatore scientifico del progetto e rettore della Facoltà di Psicologia dell’Università UNINETTUNO, e Vesna Mikolic, docente del Centro di Ricerche Scientifiche ZRS di Capodistria.

Scarica la trasmissione dell’11 novembre 2021 qui.

27 settembre 2021 Lille, Francia - Evento moltiplicatore

L’evento moltiplicatore è stato organizzato dall’Université Catholique de Lille (UC LILLE) in collaborazione con EHPAD NOTRE DAME di Lille con lo scopo di coinvolgere un gruppo di anziani nelle attività del progetto ActivAge e raccogliere il contributo degli utilizzatori finali nello sviluppo di strumenti che favoriscono un approccio proattivo all’invecchiamento.

I moderatori hanno facilitato una discussione sui seguenti argomenti:

  • quali fattori possono contribuiscono ad un buon invecchiamento?
  • che tipo di supporto dovrebbero fornire le istituzioni pubbliche e private?
  • qual è il possibile apporto degli strumenti digitali al buon invecchiamento?

Il ruolo delle istituzioni, in particolare a livello locale, è stato considerato cruciale nel creare le condizioni per un’esperienza di invecchiamento positivo: ne sono esempio l’eliminazione delle barriere fisiche sui trasporti pubblici, la promozione di servizi più efficienti in ambito sanitario, la creazione di “ambienti sociali” in cui gli anziani possano incontrarsi, praticare attività fisica, ed essere coinvolti in attività di vario tipo.

30 giugno 2021 Capodistria, Slovenia
Evento moltiplicatore : "Come invecchierò? Approfondimenti sulle linee guida e sulle opportunità per un invecchiamento attivo e di qualità"

Il secondo evento moltiplicatore ActivAge “Come invecchierò? Approfondimenti sulle linee guida e sulle opportunità per un invecchiamento attivo e di qualità” si è svolto mercoledì 30 giugno 2021 presso il Centro per le attività quotidiane per gli anziani a Capodistria, in Slovenia.

L’obiettivo dell’evento era di discutere quali sono i fattori che permettono di mantenere le capacità funzionali e l’indipendenza il più a lungo possibile. L’evento si è concentrato su tre argomenti principali riguardanti l’invecchiamento attivo e in buona salute: attività cognitive, abitudini alimentari, attività fisica/sedentarietà. L’evento è stato condotto con l’obiettivo principale di raccogliere informazioni sulle aree identificate dal punto di vista dei partecipanti anziani: cosa fanno? Cosa mangiano? Quanto sono attivi? Quali problemi hanno?

Allo stesso tempo è stato chiesto ai fornitori di servizi per gli anziani (rappresentanti dei centri, associazioni di pensionati) di presentare alcune delle loro buone pratiche e le principali problematiche che incontrano.

Dopo aver discusso questi temi, sono state presentate le più recenti linee guida sulla salute cognitiva (attività utili per mantenere la salute cognitiva), l’alimentazione sana e l’esercizio fisico. Sono state evidenziate le conseguenze dell’inattività: la realizzazione pratica di una pausa attiva ha permesso di raccogliere ulteriori informazioni e di offrire suggerimenti di prima mano su come adottare stili di vita attivi.

Durante la parte finale si è discusso attivamente dell’uso delle nuove tecnologie da parte della popolazione anziana, i lati positivi delle tecnologie, i problemi nell’usarla e come approcciarsi all’acquisizione di nuove conoscenze.

Questo scambio vivace e aperto ha contribuito a rispondere alla domanda “Cosa possiamo già utilizzare e di cosa abbiamo ancora bisogno?”, presentando i punti di vista degli anziani e dei centri e associazioni che possono muoversi attivamente nel sostenere gli anziani a rimanere attivi.

1 giugno 2021 Trieste, Italia. Evento moltiplicatore: "L'arte di invecchiare bene

Il primo evento moltiplicatore del progetto ActivAge si è svolto il 1 giugno 2021 nell’impianto natatorio Bruno Bianchi di Trieste. L’evento è stato organizzato da Lunga Vita Attiva in collaborazione con FinPlus Trieste e si è svolto all’aperto, nel rispetto della norme igienico-sanitarie anti Covid-19.

L’obiettivo dell’evento era di esplorare l’Arte di invecchiare bene: hanno partecipato cittadini over 60, rappresentanti  delle autorità locali, dell’Università della terza età e delle associazioni culturali e sportive che promuovono il valore dello stile di vita attivo.

L’evento ha registrato una folta partecipazione di pubblico che ha dato un fattivo contributo di idee alla vivace discussione, che si è incentrata principalmente su tre questioni:

  1. Quali fattori ci aiutano ad invecchiare bene?
  2. Quali interventi pubblici possono favorire il buon invecchiamento della popolazione?
  3. Quanto incide il “digital divide” nel buon invecchiamento?

I risulti saranno utili per la costruzione del Percorso di raccomandazione personalizzata online che offrirà consigli finalizzati ad un invecchiamento attivo e in buona salute e  dell’ActivAge Digital Knowledge Center (Centro digitale del Sapere ActivAge).

7, 14 gennaio 2021 - Lancio del progetto ActivAge

Il 7 e 14 gennaio 2021 il consorzio si è riunito online per la prima riunione congiunta. Il team è coordinato dall’Università Telematica Internazionale Uninettuno (Italia). Gli altri partner sono l’Università Cattolica di Lille (Francia), l’Università di Maribor (Slovenia), il Centro di ricerche scientifiche di Capodistria (Slovenia), Fin Plus TRIESTE (Italia) e LUNGA VITA ATTIVA (Italia).

I temi della discussione sono stati la metodologia di lavoro, il piano d’azione, il programma di lavoro e l’assegnazione delle attività ai vari partner. La prima attività ad essere avviata sarà la realizzazione dello studio Buone pratiche per un invecchiamento attivo, coordinata dall’Università Cattolica di Lille, che fornirà una solida base per tutte le ulteriori fasi del progetto.